Album

 

StrongStrangeStrings

“I play an instrument which today is enjoying one of the happiest periods in its long history. Its structure and sound have evolved and kept pace with changes in attitudes to music, culmination in a range of forms and expressions in the twentieth century unheard of since the renaissance and the baroque eras.” E.C.

Changes Chances

After the magnificent debut with StrongStrangeStrings (Stradivarius 2001) Elena Càsoli comes back with the ideal result of Changes Chances still published by Stradivarius in 2006. The disc already confirms yet from the first hearing her exceptional talent as guitarist and performer, this time made available to "three American composers, who I only met once but whose work I listen to a great deal before and after I met them. " Empedocle70

Ink-Jet Preludes

"Fortunatamente sono ormai lontani gli anni in cui la musica contemporanea era sinonimo di brutale separazione fra addetti - o meglio, adepti - ai lavori e pubblico. D'altra parte i canoni di uno sperimentalismo ormai d'accademia - ci si perdoni l'ossimoro - non lasciavano certo spazio a qualunque cosa avesse la parvenza di tonalità: guai se all'interno di pentagrammi (quando vi erano) irti di note e di criptici simboli compariva una sorta di linea melodica o, ancora peggio, una triade. Le più recenti generazioni di compositori hanno lasciato sedimentare tutta questa sistematicità e - uscendo da un intellettualismo tanto sterile quanto solipsistico - assai opportunamente hanno voluto riprendere il contatto con il pubblico. La via più difficile ma più affascinante è quella della creazione di un linguaggio proprio ma comprensibile, impresa non da poco, giacché bisogna evitare di essere autoreferenziali ma al tempo stesso banali. In poche parole, ci vuole ispirazione artistica. Ed è proprio quello che riesce a fare Nicola Campogrande in questo bel cd dedicato alla chitarra, nel quale dodici brevi preludi sono esposti dapprima con uno strumento tradizionale e in seguito rielaborando elettronicamente lo stesso materiale eseguito con una chitarra acustica e un arciliuto barocco (con la complicità di Roger Rama nei remixes). Il risultato è oltremodo affascinante, anche per merito della bravissima chitarrista Elena Casoli, la cui versatilità è pari solamente all'intelligenza delle scelte artistiche". (Amadeus - m.r.)

Henze - 2 Guitars

These three works for two guitars by Hans Werner Henze have their origin in the composer’s extensive output for the theatre. Minette: Canti e rimpianti amorosi is an offshoot of Henze’s opera buffa The English Cat, in which the chief protagonist is the cat Minette, who comes up from the country to London to get married, and after a series of misadventures ends up being drowned in the Thames in a sack. Rather a tragic scenario, even cat haters would confess, which draws from Henze music of affecting and elegiac gentleness, touchingly conveyed by the excellent duo Jürgen Ruck and Elena Càsoli. Memorias de El Cimarrón is a revisiting of Henze’s El Cimarrón from 1970, a piece inspired by the life story of a former Negro slave in Cuba and written in the throes of enthusiasm for the Cuban revolution. Improvised sections intersperse the scored music, which requires the guitarists to whistle and hum as well as tap and beat their instruments. Again Ruck and Càsoli excel in an arresting mix of tight, polemical structures and parodies of the indigenous habanera and song forms. They close with arrangements from Henze’s children’s opera Pollicino, charmingly concluding an intriguing disc. Christopher Wood